Avvocato Francesco Meiffret

L'Avvocato Francesco Meiffret si occupa prevalentemente di diritto del lavoro, materia in cui ha conseguito il titolo di dottore di ricerca nel 2017 presso l'università degli studi di Pavia, con una tesi dal titolo ``Codatorialità e reti d'impresa``.

Collabora con la rivista Giuffrè “Il giuslavorista”. Oltre al campo del diritto del lavoro, l'Avv. Meiffret fornisce consulenze stragiudiziali e patrocina cause nelle seguenti aree: responsabilità civile - materia che approfondisce anche mediante pubblicazioni per la rivista specialistica della Giuffrè “Ri.Da.Re” e nella quale ha sviluppato una specifica competenza nella responsabilità medica e in quella derivante da sinistri stradali - condominio, locazioni, recupero crediti, diritti reali, contratti, diritto di famiglia, tutele, interdizioni ed amministrazioni di sostegno - incarico che svolge in diverse procedure su nomina del Giudice Tutelare del Tribunale di Imperia - e successioni. L'Avv. Meiffret cura domiciliazioni presso il Tribunale di Imperia e gli Uffici del Giudice di Pace di Imperia e del Giudice di Pace di Sanremo. È già domiciliatario per conto di Zurich Insurance Public Limited Company, Banca Popolare di Sondrio e TLS, associazione professionale avvocati e commercialisti - dipartimento mass credit collection.  

Per i convenzionati con Amica Card l'Avv. Francesco Meiffret offre uno sconto del 20% applicato sui compensi medi stabiliti dal D.M. 55/2014. Lo sconto si applica a qualsiasi questione sia in ambito giudiziale che stragiudiziale.
...

Molte professioni possono farsi con il cervello e non con il cuore; ma l’avvocato no! L’avvocato non può essere un puro logico, né un ironico scettico, l’avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé; assumere su di sé i loro dolori e sentire come sue le loro ambascie. Per questo amiamo la nostra toga; per questo vorremmo, che quando il giorno verrà, sulla nostra bara sia posto questo cencio nero al quale siamo affezionati, perché sappiamo che esso è servito ad asciugare qualche lacrima, a risollevare qualche fronte, a reprimere qualche sopruso e soprattutto a ravvivare nei cuori umani la fede, senza la quale la vita non merita di essere vissuta, nella vincente giustizia”

Piero Calamandrei  

Legal Blog

Cass. Civ. Sez. Lav., ord...

23 Novembre 2022// By: Avv. Francesco Meiffret

Cass. Civ. Sez. Lav., ord. 25836 del 1/09/2022. Quando e a quali condizioni il lavoratore che assiste un familiare affetto da handicap non grave può rifiutare il trasferimento? MASSIMA L’art. 33 comma 5 della l. 104 del 1992 stabilisce che il lavoratore che si trovi ad assistere un familiare convivente affetto da disabilità grave non possa essere trasferito in altra sede senza il suo consenso. Tuttavia la norma in questione deve essere interpretata in termini costituzionalmente orientati alla luce dell’art. 3 comma 2 Cost., dell’art. 26 della Carta di Nizza e della Convenzione delle Nazioni Unte del 13 dicembre 2006 sui diritti dei disabili. Ne consegue che, anche nel caso di assistenza di un familiare convivente affetto da disabilità non grave ai sensi dell’art. 33 della l. 104 del 1992, il trasferimento può essere vietato qualora il lavoratore dimostri le esigenze assistenziali. In tal caso tuttavia l’impresa può fornire prova contraria consistente nell’accertare che il trasferim...

Cassazione civile, sez. l...

25 Ottobre 2022// By: Avv. Francesco Meiffret

Cassazione civile, sez. lav., sentenza 23 giugno 2022, n. 20216: durante le ferie il lavoratore ha diritto a percepire la medesima retribuzione ordinaria di quando lavora Cass. civ. Sez. lav, Sent. 23 giugno 2022, n. 20216 MASSIMA Un lavoratore ha diritto, durante il periodo minimo di 4 settimane di ferie annuali, non solo al mantenimento del suo stipendio di base, bensì anche, da un lato, a tutti gli elementi intrinsecamente connessi all'espletamento delle mansioni che gli incombono in forza del suo contratto di lavoro e che sono compensati tramite un importo pecuniario incluso nel calcolo della sua retribuzione complessiva e, dall'altro, a tutti gli elementi collegati allo status personale e professionale del lavoratore. IL FATTO Una compagnia aerea ricorreva in Cassazione dopo che il Giudice del Lavoro del Tribunale di Civitavecchia ex art 420 bis cpc aveva statuito l’illegittimità dell’art. 10 del CCNL Trasporto Aereo, sezione per il personale Navigante Tecnico nella parte ...

I legami familiari sul te...

26 Settembre 2022// By: Avv. Francesco Meiffret

I legami familiari sul territorio italiano possono essere causa di annullamento del provvedimento di espulsione dello straniero irregolare Cass. Civile, Ord. Sez. 1, ordinanza del 4 marzo 2022 n. 7124 MASSIMA L’art. 13, co. 2 – bis, D. Lgs. N. 286/1998 incide sull’applicazione automatica delle cause espulsive stabilite all’art. 13, co. 2, lett. a) e b), T.U. Immigrazione, prescrivendo di contemperare tali esigenze espulsive con la natura e l’effettività dei vincoli familiari, con la durata del soggiorno e, infine, con l’esistenza di legami familiari, culturali o sociali con il paese d’origine dello straniero che ha regolarmente esercitato il diritto al ricongiungimento familiare, sia nell’ipotesi di ingresso in Italia irregolare, sia nell’altra ipotesi di mancanza originaria o sopravvenuta di valido permesso di soggiorno sul T.N. IL QUADRO NORMATIVO ATTUALE L’art. 13 del Decreto Legislativo n. 286 del 25.07.1998 disciplina normativamente l’istituto dell’espulsione amministrativa...

Cassazione: la prescrizio...

21 Settembre 2022// By: Avv. Francesco Meiffret

Cassazione: la prescrizione dei crediti dei lavoratori decorre sempre dalla cessazione del rapporto Cass. Civ Sez. Lav sent. n. 26246 del 6 settembre 2022 La sentenza del 6 settembre 2022 n. 26246 della Cassazione civile sezione lavoro e qui brevemente annotata, affronta una questione di rilevantissima importanza: l’individuazione del termine iniziale della prescrizione quinquennale dei crediti dei lavoratori (art. 2948 c. 4 c.c.) qualora essi siano alle dipendenze di imprese con più di quindici dipendenti. La Corte di Cassazione ha stabilito che, dopo l'entrata in vigore della legge Fornero, anche nelle imprese con più di quindici dipendenti, la prescrizione quinquennale non possa più decorrere durante il rapporto di lavoro. Pertanto il termine iniziale di decorrenza della prescrizione coincide con la data di risoluzione del contratto di lavoro come nelle imprese con meno di 15 dipendenti. La problematica dell’inizio della decorrenza dei termini prescrizionali dei crediti dei lavo...

Richiedi una consulenza

Compila i campi sottostanti per richiedere una consulenza